Architettura, Arredamento, Design, Innovazione, sviluppo sostenibile

Creare con poco

Foto: pwyliu da Flickr

Testo a cura di Marco Fraguglia

Come amava dire un grande designer, è molto facile complicare.

Assai più difficile è semplificare, ridurre sempre più la forma e da qui estrapolare il non banale. “Avrei potuto farlo io” è spesso il pensiero di fronte a certe opere e forse, per questo, ancor più geniale la loro creazione.

Assai più noto in ambito architettonico, qui Frank O. Gehry sperimenta la propria creatività nel campo del design. Partendo da un materiale certamente non nobile o di forte impatto visivo, Gehry dà vita a una seduta armoniosa e organica.

Facente parte della serie di mobili Easy Edges, la Wiggle Side Chair è costituita da cartone ondulato e pannelli di fibra dura.

Seppur si possa considerare un’opera realizzata oggi, in pieno periodo di sostenibilità, in realtà quest’opera è stata concepita nel 1972 e realizzata da un noto marchio.

In quegli anni Gehry amava sperimentare e realizzare mobili in cartone che dovevano essere facili da produrre e alla portata di tutti.

La Wiggle Side Chair vede, nonostante materiali e intenzioni iniziali, il suo valore aggirarsi intorno al migliaio di euro.

Curiosità: come altre opere di design è presente una piccola riproduzione in miniatura, acquistabile per un centinaio di euro. 

Iscriviti alla newsletter di VIVATTIVA!

Architettura, Arredamento, Design, Innovazione

Design al femminile: Cini Boeri

Graphic design e articolo by Marco Fraguglia

Nata nel 1924, alla laurea in Architettura al Politecnico di Milano  seguirà l’apprendistato con personalità eccellenti del suo tempo. Nomi illustri del calibro di Giò Ponti e Marco Zanuso daranno il via alla sua carriera.

Come Charlotte Perriand, Cini Boeri si destreggia tra il disegno industriale e l’architettura.

Se Charlotte era la protagonista del Movimento Moderno, Cini rappresenta la continuazione ed evoluzione del cosiddetto Stile Italiano.

Prima della forma e degli stilemi, c’è sempre l’idea e le sue idee erano innovative seppur condivise con altri esponenti del design di quegli anni.

Esposta al MoMA di New York, il divano Strips era pensato come una poltrona semplice per tutti, componibile tramite la sua modularità che permetteva quindi di adattarsi alle necessità del cliente.

Il divano Serpentone si poteva acquistare al metro e in questo caso è abbastanza lampante il richiamo a un’idea di Bruno Munari.

Egli aveva, infatti, realizzato una lampada realizzata in tessuto e la cui lunghezza poteva essere scelta dal cliente stesso: la lampada Falkland.

Totalmente personale è, invece, la Ghost Chair, tanto semplice quanto geniale era composta da una lastra di vetro curvata.

Curiosità: all’anagrafe il suo nome era Maria Cristina Mariani Damiano ma a seguito del suo breve matrimonio col neurologo Renato Boeri, scelse di tenere il cognome Boeri.

Tra i suoi figli va menzionato l’architetto Stefano Boeri, ideatore, tra gli altri suoi progetti, del “Bosco Verticale” a Milano.

Foto da Flickr

Iscriviti alla newsletter di VIVATTIVA!

Architettura, Arredamento, Design, Lifestyle

Storia di un elefantino diventato design

Di Marco Fraguglia

Nei primi anni ’40 del Novecento, Charles e Ray Eames sperimentavano la tecnica di piegamento del legno andando a realizzare diversi capisaldi della storia del design del XX secolo, ma non si potrà dire altrettanto per questo prodotto.

La difficoltà nel modellare le forme del legno compensato sanciranno, infatti, l’impossibilità di produrlo su vasta scala.

Eames Elephant è composto da sole due parti: una superiore, qual è la testa, e una inferiore, il corpo. 

Nel 2007 viene rieditato in edizione limitata per poi essere prodotto in serie in legno multistrato. Successivamente si aggiungeranno nuovi materiali, colori e  scale, così da potersi adattare finalmente ai bambini.

Queste variazioni influiscono sul prezzo di ognuno e può variare da un centinaio fino al migliaio di euro.

Oltre che alla sua funzione primaria, quale il gioco, può essere usato come oggetto decorativo sia per lo spazio interno che per quello esterno.

Se a distanza di decenni Eames Elephant rimane apprezzabile nella sua forma, c’è da chiedersi se effettivamente lo è la sua funzione. Non è di fatto una critica all’opera bensì una riflessione alla nuova società.

Come già detto è stato progettato per i bambini degli anni ‘40 del 1900, abituati a giochi assai semplici e che di certo avrebbero amato il simpatico elefantino.

Ma, in una società sempre più digitalizzata, si potrà dire lo stesso per le nuove generazioni?

Curiosità: il prototipo fu regalato dai coniugi Eames alla propria figlia di 14 anni.

Questo primo modello fu inoltre richiesto dal MoMa (Museum of Modern Art) di New York per poterlo esporre nella propria galleria del 1946.

Una gran bella storia per un semplice elefantino!

Iscriviti alla newsletter!

Architettura, Arredamento, Design, Innovazione, Lifestyle

Illuminare col design: Dalù

Di Marco Fraguglia

La lampada Dalù fu progettata da Vico Magistretti, famoso designer e architetto, tra il 1962 e il 1963, partendo da forme geometriche semplici e pure. Forme che verranno rielaborate qualche anno dopo per creare una vera e propria icona: la lampada Eclisse.

La realizzazione di Dalù avvenne tramite l’estrusione di un foglio di plastica; caratteristica molto interessante è la struttura autoportante che è sia funzionale che estetica.

Siamo di fronte a quello che viene espresso come italian style, ovvero l’emblema di raffinatezza e buona fabbricazione, anche se bisogna precisare come Magistretti fosse contrario alla parola stile, poiché a suo dire esprimeva male il senso.

Originariamente bianca, rossa, arancione  e nera, la lampada Dalù è stata realizzata nel 1969 e rieditata nel 2005.

Curiosità:  Magistretti nella scelta del nome si fece ispirare dal suo bassotto scomparso, chiamato per l’appunto Dalù.

Iscriviti alla newsletter!

Architettura, Design, Efficienza energetica, Innovazione, Professione, Rinnovabili

Design al femminile: Charlotte Perriand

Un articolo di Marco Fraguglia

In anticipo sui propri tempi, Charlotte Perriand (1903- 1999) sperimentò nuovi materiali e tecniche di produzione.

Fece parte dell’Unione degli Artisti Moderni (UAM),partecipò ai Congressi internazionali di architettura moderna (CIAM) e viaggiò per tutto il mondo.

La collaborazione con Le Corbusieur fu un’ esperienza caratterizzata da forti tensioni, amicizia e odio.

Durante i propri viaggi Charlotte si confrontò con diverse culture dalle quali si lasciò ispirare nella realizzazione dei suoi progetti.

Nelle varie opere si può notare la sua duplice anima di artista estroversa, sempre pronta a sperimentare, e progettista razionale, volta più alla stretta funzionalità dei prodotti.

Nel 1928 dalla collaborazione di Le Corbusieur, suo cugino Pierre Jeanerette e Charlotte Perriand nacque un’icona del design: la LC4.

Fonte: Gabriel Fernandes – Flickr

In seguito ai suoi viaggi in Giappone, Charlotte si innamorò così tanto di quella cultura e della loro sapienza nell’utilizzare il bambù che decise di rielaborare la chaise longue per antonomasia, in chiave orientale. Questa versione viene denominata Tokyo Chaise Longue.

Tra le altre opere, possiamo ricordare: la famiglia di librerie Nuage, Refolo, Ombra Tokyo e Accordo.

Bibliografia

Io, Charlotte, tra le Corbusier, Legèr e Jeanneret, Charlotte Perriand, Editori Laterza, 2006

Iscriviti alla newsletter di VIVATTIVA!

Architettura, Eventi green, Professione

Salone del Mobile Milano: spostato a giugno 2020

(Fonte: sito Salone del Mobile)

Il Salone del Mobile 2020 sarà spostato dal mese di aprile al mese di giugno 2020, a causa dell’emergenza sanitaria in atto. Si svolgerà dal 16 giugno al 21 giugno 2020 (vedi il sito ufficiale). Gli organizzatori hanno infatti considerato che in caso di annullamento della manifestazione ci sarebbe stato un danno economico considerevole per tutti gli attori coinvolti. Meglio programmare l’evento più in là, quando si spera che l’allerta sia venuto meno e che tutti siano più tranquilli. Decisione ampiamente condivisibile, soprattutto tenendo conto di come le persone stanno in massa reagendo alle disposizioni sanitarie prese dalle Autorità competenti. Ricordiamo che la situazione di emergenza sanitaria non va sottovalutata: è opportuno seguire le indicazioni del Ministero della Salute e tutte le precauzioni riportate qui.

Il Salone del Design è una manifestazione molto importante per Milano, punto di riferimento mondiale per gli esperti del settore. Le aziende che vogliono partecipare possono trovare le regole di partecipazione qui: La partecipazione è riservata alle aziende produttrici industriali e artigiane (l’appartenenza a tale categoria verrà verificata sulla base del modulo DM10 telematico scaricabile dal sito INPS tramite PIN personale e CCIAA). Sono ammesse come espositori aziende produttrici industriali e artigiane, giornali, riviste e pubblicazioni, associazioni ed enti di settore.

La manifestazione è riservata agli operatori di settore. Apertura al pubblico unicamente sabato e domenica. L’ingresso è a pagamento, registrazione obbligatoria. Per ogni categoria di visitatore è a disposizione una modalità di ingresso dedicata. Il servizio di preregistrazione e vendita online delle tessere di ingresso per l’edizione 2020 sarà attivo da inizio marzo.

Buoni sconto per te su laFeltrinelli.it! 10% di sconto online su film, serie tv, vinili, CD, eBook, giocattoli e tanto altro: scopri i codici da inserire nel carrello e approfittane subito!