Architettura, Efficienza energetica

Detrazioni fiscali per ristrutturare casa: cosa cambia

Sembra che qualcosa in edilizia si stia muovendo. La Legge di Bilancio 2018 ha confermato, con lievi modifiche, le agevolazioni fiscali per chi intende ristrutturare casa. In particolare, oltre al BONUS VERDE (approfondito qui), esistono altri tipi di bonus. Un’ottima occasione dunque per iniziare i lavori di ristrutturazione e beneficiare di quanto previsto dalla legge. La conferma delle detrazioni fiscali può di sicuro mettere in moto un circolo virtuoso e fare da volano per la crescita economica dell’Italia e la valorizzazione dell’ambiente costruito, incrementandone la sicurezza e l’ecosostenibilità. 

SISMA BONUS

Per la realizzazione di interventi antisismici su edifici destinati ad abitazione o ad attività produttive ubicati nelle zone 1,2,3 e per la classificazione e la verifica sismica degli immobili, la detrazione fiscale IRPEF sulle spese sostenute va dal 70% all’80% (tetto massimo di spesa 96.000,00 euro). Le spese per le parti comuni condominiali sono detraibili tra il 75% e l’85%. La variazione percentuale è collegata all’entità di riduzione del rischio effettuata con gli interventi antisismici (maggiore è la riduzione del rischio, maggiore è la detrazione fiscale). 

ECOBONUS 

Sono previste detrazioni fiscali IRPEF del 65% per la realizzazione di interventi che migliorano l’efficienza energetica dell’immobile:

– riqualificazione di involucro di edifici esistenti (importo massimo 30.000,00 euro);

– installazione di pannelli solari per la produzione di ACS (importo massimo 40.000,00 euro);

– riqualificazione energetica globale (importo massimo 100.000,00 euro).

La detrazione fiscale IRPEF scende invece dal 65% al 50% per:

– sostituzione di impianto di climatizzazione con caldaie a condensazione e a biomassa 

– installazione di serramenti e schermature solari.

Come prima, la detrazione fiscale avviene in 10 rate mensili. 

BONUS RISTRUTTURAZIONE

La detrazione fiscale IRPEF resta al 50% per gli interventi di ristrutturazione che non comportano miglioramenti dal punto di vista energetico: manutenzione ordinaria su parti comuni, manutenzione straordinaria, ristrutturazione edilizia, recupero e risanamento conservativo. In questo caso il tetto massimo di spesa, detraibile in 10 rate mensili, è di 96.000,00 euro.

BONUS MOBILI 2018

La detrazione fiscale per l’acquisto di arredamento in occasione della ristrutturazione dell’abitazione è pari ad un massimo di spesa di 10.000,00 euro, detraibile in 10 anni, al 50%. Riguarda l’acquisto di grandi elettrodomestici (lavatrice, asciugatrice, forno, frigorifero, congelatore, di classe energetica A+) e di tavoli, mensole, armadi, sedie, letti, oltre che dei mobili del bagno. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *